Amiata. Lazzarelli CGIL: “Floramiata: l’azienda riparte.”Amiatanews (Marco Conti): Abbadia S. Salvatore 25/02/2017

5 marzo 2017

Tiziano Lazzarelli CGIL Amiata: “Il territorio non poteva fare a meno di Floramiata. La soluzione grazie al contributo di tutti, dalle istituzioni alle amministrazioni locali, dagli imprenditori al sindacato, con un atteggiamento attento e propositivo, mai portato alla esagerazione del problema.
“Amiata Flor, il massimo che potevamo augurarci. Ora basta con l’assistenzialismo. Entro Marzo, l’accordo sindacale.”

All’indomani dell’acquisto da parte di “Amiata Flor” del polo vivaistico di Casa del Corto, lo scorso 22 Febbraio, abbiamo incontrato Tiziano Lazzarelli, responsabile provinciale CGIL per l’Area Amiata, che ha responsabilità del controllo, della programmazione e delle relazioni sul territorio per conto della CGIL e che ha seguito da sempre, in rapporto costante con FLAI, la sigla sindacale a tutela dei lavoratori agricoli presente all’interno di Floramiata, le vicende di quest’azienda dai suoi inizi fino alla dichiarazione di fallimento nell’Ottobre 2015.

“Credo che Floramiata debba essere considerata, come una di quelle aziende di cui il territorio del nostro comprensorio, non possa farne a meno – esordisce il Lazzerelli – in particolar modo in un momento in cui il settore della pelletteria, che si sta sempre più consolidando in un percorso di variazione e di ammodernamento, con nuovi ed importanti equilibri aziendali, con il rapporto sempre più diretto con le grandi firme, crea indubbiamente occupazione; ma, il rischio, è sempre quello che sia una mono-economia, pur ricordando aziende molto importanti come Stosa Cucine e Acqua e Sapone. Anche per questo, possiamo dire, che si stanno creando nuovamente le condizioni affinché Floramiata possa riprendere la sua attività, che, per noi, era l’obiettivo principale che ci eravamo posti, sicuramente motivo di soddisfazione anche per l’importanza del tessuto sociale, in particolare di Abbadia S. Salvatore, che, al momento del fallimento, aveva il maggior numero dei lavoratori in Floramiata.”

Commenti

Puoi lasciare un commento.




© 2008-2018 Amiata Radio · Tel. +39 0577 1892009 +39 335 6813735 · info@amiataradio.it
Licensa SIAE: 179/I/04-306

Sito realizzato da Coding Srl